Come riprendersi dalle ferie di Natale

Sindrome da fine vacanze, da rientro, nostalgia e malinconia, ansia... diciamocelo, non è facile riprendere il ritmo lasciato all'anno precedente. 

Cerchiamo dunque di aiutarci a superare il "rientro dalle ferie di Natale" con qualche semplice consiglio per aiutarsi a recuperare energie, leggerezza e gioia di vivere, in modo del tutto naturale. 

Se già non lo avete fatto, tenetelo in mente la prossima volta: è importante lasciare 2 giorni di riposo alla fine delle ferie, prima del rientro al lavoro o a scuola, così avrete il tempo per riprendere i ritmi "coscientemente" e non "indotti" dalla nuova baraonda. E' un periodo di adattamento molto importante.

Continuare il contatto con l'aria aperta

Passeggiate, specie nei primi giorni, e continuate qualche attività serale, come uscire a cena la sera. Se potete, nella pausa tra un'attività e l'altra, fate quattro passi a respirare ossigeno e sole. Non fatevi immediatamente riassorbire dal divano e dalla televisione alla sera, cercando di uscire per una breve passeggiata o per la visita di qualche amico. 

Sport e attività fisica

Sport e attività fisica in genere sono ovviamente il toccasana, non solo per smaltire il cibo in eccesso delle ferie, ma anche per tonificare la mente grazie all'endorfina e alla dopamina rilasciata nel corpo dall'attività fisica, a tutto beneficio dell'umore.

Gli alimenti magici del rientro

  • Zucca, carote, peperoni, pomodori, ma anche albicocche, meloni, pesche, spinaci... questi cibi sono ricchi di betacarotene e di antiossidanti. Aiutano - tra le altre cose - a mantenere l'abbronzatura eventualmente acquistata durante il viaggio appena terminato, o sulle cime assolate e innevate dalle quali abbiamo fatto ritorno!
  • Kiwi, limone e pompelmo sono ideali per mantenere l'elasticità della pelle ed in genere per migliorare la circolazione sanguigna e per riprendere il giusto tono vitaminico.
  • Carne, yogurt, latte, formaggi, uova, pesce e fegato sono invece importanti per mantenere o rafforzare il tono muscolare, specie in combinata con l'attività fisica.
  • Per il colesterolo possiamo mangiare mele
  • Uva rossa aiuta a regolare il ritmo sonno-veglia, in quanto contiene molta melatonina e riprendere il naturale ritmo circandiano.
  • Acqua. Sì, proprio semplice acqua naturale (almeno 2 litri al giorno) reidrata e purifica dalle tossine e dagli eccessi il corpo, donando luce ai capelli, alla pelle ed aiutando a sua volta a mantenere l'eventuale abbronzatura dell'ultimo viaggio che ci siamo concessi.
  • Il pesce è consigliatissimo, contiene proteine e grassi omega 3, possibilmente almeno 2 volte alla settimana. Aiuta ad aumentare le difese immunitarie e riattivare il sistema nervoso centrale, migliorando il tono dell'umore e correggendo la depressione.

 Un'aiuto giunge infine con le erbe.

I fiori di Bach, ad esempio, aiutano ad affrontare i nuovi cambiamenti in atto. Il Walnut, dalla pianta di noce, aiuta ad esempio nei periodi di variazione, mentre Horbeam combatte la stanchezza, il mal di testa da rientro ed il bruciore agli occhi.

Meditazione

Non specificheremo mai abbastanza l'importanza della meditazione.

Studi scientifici hanno dimostrato come - dopo una pratica lunga e corretta - si notino cambiamenti fisici nella massa celebrale prefrontale, dove ha sede, tra le altre, la forza di volontà.

La meditazione, quando ben praticata e con giusta motivazione, armonizza corpo e psiche, ci aiuta ad osservare i meccanismi della mente, dei pensieri e delle conseguenze emozioni (che sono pensieri riflessi nel corpo) e - perchè no - ci mette nella giusta prospettiva per un eventuale risveglio spirituale a tutto vantaggio del proprio equilibrio, magnetismo personale e serenità d'animo.

Buon rientro a tutti dallo staff Molino di Ferro!

Iscrizione a
newsletter