molino di ferro prodotti senza glutineUn viaggio all’interno dell’azienda Molino di Ferro per capire l’origine della qualità dei suoi prodotti.

Quando gustiamo un bel piatto di Bucatini ” all’amatriciana “ della linea “Asolane Fonte di Fibra”, o delle “Penne Rigate, Le Veneziane, ai funghi e carciofi” oltre ad apprezzarne il gusto e la tenuta in cottura, spesso ignoriamo le molteplici proprietà o, per meglio dire, caratteristiche di questi prodotti.

Iniziamo dal mais che le compone. Una selezione dei migliori mais italiani. Soffermiamoci un attimo su questa caratteristica molto rilevante.

Solo mais d’origine italiana. Sinonimo di qualità.

Stiamo assistendo a un “turbillon mediatico” che giustamente rivendica la fondatezza del “Made in Italy”, non solo a livello alimentare. Bene, Molino di Ferro, per tutte le linee di pasta che produce garantisce l’utilizzo di mais italiano, o per meglio dire, “d’origine italiana”.

Last but not least la filiera interna aziendale.

Molino di Ferro è uno tra le pochissime industrie alimentari, e nello specifico, dei pastifici italiani del “senza glutine” che processa internamente il mais, la materia prima principe dei nostri prodotti, dall’inizio, dalla granella, al prodotto finito, la pasta, ad esempio. Tutto il processo produttivo avviene internamente.

Si inizia dal Mulino aziendale dove la granella viene lavorata e trasformata in farina. La farina, cuore pulsante, a seconda delle lavorazioni, diviene l’ingrediente madre per la “Polenta Istantanea”.

Attraverso tecnologici ed innovativi silos, passa nel pastificio dove si producono le diverse linee di pasta. Dalle “Veneziane”, alle “Asolane Fonte di Fibra”, senza scordare la prestigiosa linea biologica “Le Asolane Bio”.

Il viaggio della farina non si ferma qui, passa nel “Grissinificio” e crea, accompagnata da mani sapienti ed altrettanti ingredienti nobili, i “Grissini Le Veneziane all’olio extravergine d’oliva”.

“Dulcis in fundo”… termina il suo viaggio all’interno del Biscottificio.  Avete mai assaggiato i deliziosi Biscotti Le Veneziane al cocco, ai frutti di bosco e al cacao e nocciola? Dei veri piccoli piaceri croccanti.

Tutto questo avviene in un unico complesso, sotto gli occhi vigili del Reparto Controllo Qualità.

La realtà industriale attuale, in questo particolare settore “del senza glutine”, vede molte aziende che si procurano la farina già lavorata da mulini esterni, siti in altre città, per poi “lavorarla” in un altro pastificio ubicato in un'altra città ancora, dove verrà prodotta la pasta senza glutine. Tutto legale, niente di vietato. Solamente molto lontano dalla filosofia Molino di Ferro.

Se pensiamo per un attimo alle possibilità di “cross contamination”, alle potenziali contaminazioni che il mais potrebbe “incontrare” nei suoi numerosi viaggi, vi è lampante l’impegno e la volontà nel mantenere una filiera interna. Da sempre, siamo abituati a dare il meglio ai nostri consumatori.

Iscrizione a
newsletter